Guida Dal 1969: il TAG Heuer Monaco Replica

Mentre inauguriamo un nuovo anno, riflettiamo su quanta differenza può fare un anno (o più) quando si confronta un orologio con i suoi predecessori. Questa settimana, WatchTime guarda indietro su tre iconici orologi replica che dimostrano come un orologio classico cambia nel tempo. Abbiamo già messo in luce Rolex Submariner e IWC Mark; concludiamo con il TAG Heuer Monaco.

TAG Heuer Monaco Calibre 12 Replica

Collegare un orologio falso italia a uno sport sembra aumentare il suo potenziale per diventare un oggetto di culto, quindi non sorprende che la terza icona di questo gruppo sia un orologio legato a uno specifico evento sportivo, il Gran Premio di Monaco. La replica tag heuer, chiamata Monaco, fu introdotta nel 1969 come uno dei primi cronografi al mondo con un movimento a carica automatica. Jack Heuer, CEO di Heuer, come si chiamava allora, era un pioniere della sponsorizzazione sportiva. Ha assicurato che i famosi piloti di auto da corsa fossero equipaggiati con il cronografo dall’aspetto sportivo: è così che Steve McQueen ha finito per indossare il Monaco nel film Le Mans del 1971 senza avere alcuna discussione preliminare con il marchio di orologi Heuer. McQueen ha modellato il suo personaggio dopo il pilota svizzero Jo Siffert, che ha recentemente indossato il logo Heuer sulla sua tuta da corsa e un Monaco al polso.

Repliche TAG Heuer Monaco Calibre 12 40th Anniversary 2009

La replica Monaco del 1969 seguì i codici di design della fine degli anni ’60 e dei primi anni ’70: quadrante colorato, quadranti con colori contrastanti e una cassa che non era rotonda. I marcatori trasversali erano un’aggiunta originale ed erano chiaramente una scelta di design rispetto alla leggibilità. Il caso è stato accattivante non solo per la sua forma rettangolare ma anche perché la corona era a sinistra – una particolarità del calibro automatico 11, che Heuer ha sviluppato in collaborazione con Breitling, Büren Watch e Dubois Dépraz. Il cinturino in pelle era perforato, cosa comune per gli orologi ispirati agli sport motoristici.

Quando la nuova versione del Monaco fu introdotta nel 2002, Heuer aveva già aderito al gruppo TAG (Techniques d’Avant Garde); il marchio era noto come orologio replica TAG Heuer dal 1985. Di conseguenza, il logo sul quadrante era diverso da quello dell’originale Monaco. Ma un cambiamento di design più importante è stato l’introduzione di indici di ore più leggibili. Il case aveva superfici dettagliate spazzolate e levigate per aggiungere interesse, e spintori più complessi e sagomati con i lati protettivi hanno sostituito i semplici pulsanti sul modello originale. TAG Heuer ha anche aggiornato il cinturino con un’elegante versione in pelle di alligatore. Altri cambiamenti furono il risultato dell’uso di un movimento diverso: ora il case ospitava il cronografo ETA Calibre 2894. La corona si trovava ora nella posizione convenzionale sul lato destro, tra gli spintori, ei quadranti mostravano i minuti trascorsi e i secondi correnti invece delle ore trascorse e minuti. Ma nonostante i cambiamenti, Monaco ha mantenuto la sua firma dopo tanti anni. Era meno spettacolare e più elegante, ma il nuovo modello non negava in alcun modo la sua nascita negli anni ’70.

Heuer Monaco 1969 Replica

Nel 2009 il Monaco ha celebrato il suo 40esimo compleanno. È stato introdotto un nuovo modello con marcatori ora trasversali sul quadrante. E, grazie a un modulo di Dubois Dépraz, la corona è tornata nella sua posizione originale sul lato sinistro del case. L’orologio svizzero replica ha di nuovo un cinturino in pelle traforata dall’aspetto sportivo. Anche il logo originale di Heuer è tornato sul quadrante. Non puoi fare altro che ricordare le origini di un’icona. La nuova versione è stata considerata un successo a tutto tondo.

La versione più recente del Monaco è apparsa nel 2012. Ha mantenuto la forma della cassa, lo storico logo di Heuer e il cinturino traforato, ma è tornata ai marcatori delle ore radialmente posizionati nella versione 2002. E per dare risalto alla sua storia automobilistica, le strisce di corsa furono aggiunte al quadrante, facendo il Monaco più recente il modello più sportivo finora. Sebbene la deviazione dal progetto originale possa sembrare drammatica, l’ultima versione può essere vista come uno sviluppo logico verso un aspetto più sportivo. Il nuovo design soddisfa uno scopo specifico, ovvero lo sviluppo di un nuovo aspetto del classico orologio da polso di lusso. È quello che ogni nuova edizione dovrebbe fare; altrimenti, resteremmo sempre con il design originale per sempre.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>